“INGESTIONE D’INCHIOSTRO”

 

 

 

 

 

 

 

La telefonata è giunta in centrale alle h 15 e 15 di ieri. Dall’altro lato del telefono una mamma molto preoccupata ed agitata che chiama dal luogo dove lavora. La figlia, di 12 anni, a casa con la nonna, ha ingerito “accidentalmente(?)” l’inchiostro di una penna.

In questo caso la chiamata viene filtrata è passata alla centrale antiveleno che si occupa proprio di avvelenamenti (accidentali e volontari).

La conversazione dura 5 min.

Come è andata a finire? Beh leggetevi la telefonata.

 

Operatore: “Pronto 118” 

Mamma: “Buon giorno, ho bisogno di un consiglio subito.”

Operatore: “Si mi dica signora, cosa è successo?”

Mamma: “Io sto a lavoro, mi ha chiamato in questo momento mia mamma è mi ha detto che la bambina, mia figlia,  ha ingerito dell’inchiostro. Sono molto preoccupata per lei.”

Operatore: “Quanti ha la bambina?”

Mamma: “Ha 12 anni, la prego mi aiuti”

Operatore: “Si signora, stia tranquilla, le passo subito il centro antiveleno”.

La chiamata in pochi secondi viene smistata al centro antiveleno dove rispondono medici competenti.

Medico c.a.v.: “Centro antiveleno salve.”

Operatore: “Dottore buongiorno è il 118, le passo una chiamata riguardante una bimba di 12 anni che sembra abbia ingerito dell’inchiostro.”

Medico c.a.v.: “Si me la passi.”

Operatore: “Signora parli pure con il medico.”

Mamma: “Dottore mi ascolta?”

Medico c.av.: “Si signora mi dica cosa è successo.”

Mamma: “Mia figlia stava scrivendo, poi ha messo la penna in bocca e… poi …le è scoppiata in bocca, adesso ha… tutta la bocca piena d’inchiostro, e la lingua ed i denti completamente blu, mi aiuti è pericoloso?”

Medico c.a.v.: “Signora lei sta vicino a sua figlia?”

Mamma: “No purtroppo sono a lavoro, mi ha chiamato mia mamma, che sta a casa vicino a lei.”

Medico c.a.v.: “Signora, innanzitutto la tranquillizzo subito, non dovrebbero esserci problemi, ma ho bisogno di sapere quanto ne ha ingerito e di che penna si tratta?”

Mamma: “Non lo so, perché non sto a casa, ma posso chiamare e me lo faccio dire.”

Medico c.a.v.: “D’accordo, allora l’aspetto in linea.”

La signora chiama a casa della nonna da un altro telefono dopodichè riprende la conversazione con il medico.

Mamma: “Pronto dottore mi sente?”

Medico c.a.v.: “Si mi dica pure.”

Mamma:…allora la penna è una pilot ad inchiostro liquido, e mia mamma non sa precisamente quanto ne abbia ingerito, sa solo che la bocca è diventata completamente blu e crede che un po’ ne abbia certamente ingoiato.”

Medico c.a.v.: “Ok signora allora come le dicevo può stare tranquillissima, l’inchiostro contenuto in quella penna non è assolutamente dannoso. Faccia solo lavare con acqua corrente la bocca e tranquillizzi la bambina e sua mamma.”

Mamma: “Oh dottore, grazie, la ringrazio di cuore.”

Medico c.a.v.: “Si figuri signora ho fatto solo il mio dovere, la saluto.”


Penne Pilot

 

 

Salutissimi Silvestro

 

__

Annunci
Posta un commento o usa questo indirizzo per il trackback.

Commenti

  • Mario  Il 11 dicembre 2007 alle 17:35

    hihihile madri sono il motivo della mia "non scelta" di pediatria come spec! hihihi

  • Serena  Il 17 dicembre 2007 alle 12:42

    Visto? sono tornata!
    e non per caso!!
    Il vostro intervento è sempre molto utile. grazie per la buona "dose" di pazienza che mettete  nel vostro lavoro!
    a presto.
    buona settimana! 

  • ludovica  Il 25 ottobre 2013 alle 12:46

    E chi a ingogliato solo un pochino di quella che nn si riconosce la marca

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: